Fattori che influenzano l’assorbimento degli integratori naturali

integratori naturali

Ogni volta che assumi del cibo o degli integratori naturali, ad esempio un multivitaminico, inizia un processo complesso attraverso il tuo sistema digestivo. La biodisponibilità è la porzione di un dato ingrediente attivo che è in grado di essere assorbita attraverso le membrane intestinali nel flusso sanguigno e resa disponibile per l’uso dai tuoi organi.

Cosa può influenzare l’assorbimento degli integratori naturali

Secondo alcuni studi, la quantità di ciascuna vitamina resa biodisponibile varia tra il 20% e oltre il 95%. Cosa spiega questi significativa variazione? La biodisponibilità delle vitamine è influenzata dai seguenti cinque fattori:

Alcuni enzimi stimolano l’assorbimento delle vitamine mentre altri lo inibiscono

Quando si mangia, l’assorbimento delle vitamine è solitamente potenziato da una maggiore secrezione di enzimi e acidi biliari. Tuttavia, alcuni alimenti contengono composti che inibiscono l’utilizzo delle vitamine riducendo la solubilità o la quantità rilasciata.

Ad esempio, gli inibitori della proteinasi (cioè un enzima che scompone le proteine) in alcuni frutti e verdure crude possono interferire con l’assorbimento delle vitamine. Gli enzimi che distruggono o inattivano la tiamina (vitamina B1) sono presenti nel pesce, nei crostacei e in altri alimenti. Ciò ha portato alla carenza di vitamina B1 in paesi, come il Giappone, dove il consumo di questi alimenti è comune.

Alcune vitamine devono subire una trasformazione per diventare biodisponibili

Alcune vitamine non sono presenti negli alimenti in forma biodisponibile. Ad esempio, la riboflavina (vitamina B2) è presente nel latte e nelle uova ma è legata a una proteina trasportatrice. Il composto combinato è noto come riboflavina fosfato.

Affinché l’organismo possa estrarre da esso la riboflavina necessaria, questo composto deve essere convertito nell’intestino con l’aiuto degli enzimi fosfatasi. Questo processo di conversione, tuttavia, può essere ostacolato da farmaci, come alcuni farmaci antimalarici e antidepressivi triciclici, che hanno una forma chimica simile alla riboflavina.

Se stai assumendo tali farmaci, la biodisponibilità della riboflavina estratta dal cibo è molto bassa. In tali casi, l’assunzione di integratori naturali come i vitaminici in cui il nutriente è presente nella sua forma pura può essere l’unico modo per prevenire la carenza di riboflavina. Se non sai dove acquistare un buon prodotto di vitamine, puoi andare sullo shop di erboristeria di Secondo Natura e trovare ciò che più è adatto alle tue singole necessità.

La cattiva salute e l’invecchiamento possono ridurre l’assorbimento delle vitamine degli integratori naturali

Il corpo ha molti percorsi complessi di assorbimento dei nutrienti e molti di questi sono fragili e facilmente influenzati da malattie o stili di vita, portando a una cascata di altri sintomi. Ad esempio, il consumo cronico di alcol in eccesso può inibire l’assorbimento di molte vitamine.

L’eccesso di alcol inibisce un enzima nel fegato, che a sua volta inibisce l’assorbimento della tiamina (vitamina B1) da parte dell’organismo. Inoltre, le persone anziane hanno un fabbisogno maggiore di molte vitamine, perché la capacità del loro organismo di convertire e assorbire le vitamine può essere compromessa.

La mancanza di grassi alimentari può ridurre l’assorbimento delle vitamine liposolubili

Le vitamine possono essere idrosolubili o liposolubili. La vitamina D è un esempio di nutriente liposolubile. È immagazzinata nel tessuto adiposo e viene rilasciata quando il tessuto viene scomposto dal corpo. Inoltre, il grasso deve essere presente nell’intestino affinché la vitamina D venga assorbita correttamente. Se la tua dieta non include acidi grassi essenziali, la tua capacità di assorbire la vitamina D potrebbe essere ridotta.

Le capsule possono migliorare la biodisponibilità dei nutrienti degli integratori naturali

Il modo in cui le vitamine e altri nutrienti vengono consegnati all’intestino può avere un profondo effetto su quanto di essi finisce nel flusso sanguigno. Quando prendi degli integratori naturali di vitamine, passano attraverso lo stomaco dove vengono attaccati dall’acido dello stomaco. Sfortunatamente alcuni nutrienti importanti come Resveratrolo e L-Glutatione sono compromessi durante questo processo.

Per evitare il mancato assorbimento, le capsule possono essere ricoperte con un rivestimento enterico che consente loro di attraversare l’ambiente corrosivo nello stomaco senza alcun danno. Per questo motivo, gli integratori con rivestimento enterico tendono ad avere una maggiore biodisponibilità complessiva.

Conclusione

Come puoi vedere, molti fattori possono influenzare la quantità di un dato nutriente che viene effettivamente assorbita nel flusso sanguigno. Questo a sua volta determina quanta vitamina il tuo organismo può utilizzare per i processi fisiologici essenziali. Dunque, devi essere consapevole di questi fattori e tenerne conto quando scegli degli integratori naturali di vitamine. Per ottenere tutti i nutrienti di cui il tuo corpo ha bisogno con una maggiore biodisponibilità, puoi assumere un multivitaminico con rivestimento enterico.

startup-min Previous post Corsi aziendali: cosa sono e perché sono importanti
arredare casa Next post Alcuni buoni motivi per arredare casa con oggetti antichi