Usare Google Analytics è rilevante per conoscere il traffico

google analytics
Condividi:

Usare Google Analytics ti aiuterà certamente a capire chi sono i tuoi clienti. Infatti, attraverso questi dati analitici potrai capire chi viene sul tuo sito e come ci arriva, quanti clienti acquistano il tuo servizio o prodotto e molto altro.

Tuttavia, se non tracci e analizzi i dati web, non saprai mai il comportamento del traffico verso e sul tuo sito e non conoscerai la risposta a nessuna di queste domande. Se non conosci le risposte a queste domande, non saprai se devi modificare le tue fonti pubblicitarie, aggiornare i tuoi prodotti o servizi, riorganizzare le tue strategie di content marketing e le pagine del tuo sito. Per sapere cosa è efficace e cosa no, devi analizzare il tuo traffico.

Come analizzi il traffico? Il modo migliore è farlo attraverso la registrazione dei dati che ottieni quando ti trovi a usare Google Analytics. Questo tool di Google ti aiuta a monitorare e a farti conoscere alcune informazioni chiave sul tuo traffico. Uno di questi dati utili è “la frequenza di rimbalzo”. Questo dato ti indica quando un visitatore arriva su una pagina del tuo sito e non la esplora ma, al contrario, va subito via.

Se la maggior parte dei visitatori ha questo tipo di comportamento sulle pagine del tuo sito web, non importa se ricevi 100, 1.000 o 10.000 visitatori al giorno. Ciò di cui hai bisogno è ottenere del traffico mirato. Devi riuscire ad avere dei visitatori che atterrano sul tuo sito e rimangono lì, esplorando ciò che hai da offrire.

Se scopri che la frequenza di rimbalzo su una pagina del tuo sito è estremamente alta, con Google Analytics puoi sapere esattamente dove accade. Successivamente potrai sistemare quella pagina in modo da indurre le persone a rimanere.

Usare Google Analytics è fondamentale se vuoi fare sul serio online

La prossima cosa che il puoi riuscire a fare, quando ti trovi a usare Google Analytics, è controllare da dove provengono i tuoi visitatori. Quanti di loro hanno digitato direttamente il tuo nome a dominio? E quanti sono arrivati ​​attraverso i motori di ricerca? Quanti ti hanno raggiunto tramite un link posto su un altro sito?

Potresti, ad esempio, notare di ricevere molto traffico da un sito dove hai messo un link di ritorno al tuo sito web. Scoprendo questo dato probabilmente potresti scegliere di trovare altri siti simili dove creare dei backlink nella speranza di ottenere gli stessi risultati.

Dove atterrano i tuoi visitatori quando arrivano sul tuo sito? Stanno atterrando sulle pagine che vuoi tu, oppure ti trovano attraverso altre pagine? Con quali parole hai ottenuto un buon posizionamento nei motori di ricerca? Quanti utenti tornano a visitare il tuo sito web? È con queste informazioni che sarai in grado di utilizzare l’analisi dei dati web per capire ulteriormente di cosa ha bisogno il tuo sito per convertire i visitatori in acquirenti.

Questo è chiamato tasso di conversione. La percentuale di visitatori del tuo sito che effettuano un acquisto o si iscrivono, ed è fondamentale per costruire un sito web di successo per la tua attività. In effetti, è l’intero punto dell’analisi dei dati web su Google Analytics. Perciò, se vuoi fare sul serio online questo è il motivo vero per monitorare attentamente e accuratamente le attività dei visitatori: aumentare il tasso di conversione il più possibile.

Conclusione

Il miglioramento del tasso di conversione inizia con il monitoraggio e l’analisi dei dati web. Senza informazioni accurate, non è possibile analizzare le attività dei visitatori. Quando analizzi le attività dei tuoi visitatori e confronti i risultati con ciò che vorresti vedere accadere sul tuo sito, pagina per pagina, puoi apportare modifiche per raggiungere tali obiettivi.

Dopo aver apportato le modifiche, controlla cosa è cambiato e capisci cosa deve essere modificato in seguito. In questo modo, puoi smettere di sprecare il tuo tempo e denaro in pubblicità che non attirano traffico in target.

Condividi: